L’OCU denuncia Danone, Campofrío, Colacao… per aver venduto meno allo stesso prezzo

rc

L’organizzazione accusa anche Campofrío, Pastas Gallo e Pescanova di “concorrenza sleale” per aver praticato la “riduzione” per far fronte all’aumento dei costi

Lucia PalaciosStesso prezzo ma meno quantità. Questo è il fenomeno chiamato ‘downsizing’ che si sta diffondendo in alcuni brand per far fronte all’aumento del CPI. Così, alcune aziende, dovendo assumersi costi elevati, sono state costrette a realizzare prodotti più cari, ma altre – sempre più – stanno optando per mantenere i prezzi ma ridurre le dimensioni. Questa strategia è considerata “concorrenza sleale” dall’Organizzazione dei consumatori e degli utenti (OCU), che giovedì ha compiuto un altro passo e ha sporto denuncia per aver messo in atto questa pratica davanti alla Commissione nazionale dei mercati e della concorrenza (CNMC) contro sei importanti società in il settore alimentare, come Pastas Gallo, Danone, Pescanova, Colacao, Tulipán e Campofrío. Una denuncia, inoltre, che tutto indica che sarà esteso a più aziende poiché l’organizzazione ha avvertito di non escluderlo estendendolo a più prodotti e aziende, poiché il proprio studio ha verificato che almeno il 7% dei prodotti in il paniere di acquisto ha risentito della riduzione. L’aumento dei prezzi dell’energia e delle materie prime non è rimasto solo in questi settori e temporaneamente, come inizialmente previsto, e si è diffuso a gran parte del carrello, anche ai prodotti di base, tanto che il costo del cibo è aumentato del 9,4% . Per non dover trasmettere questo forte aumento ai clienti, che potrebbero avere una penalità, questo fenomeno è diventato popolare.
Il peso del carrello diminuisce con l'escalation del prezzo pieno

trappola per i consumatori

Sebbene in linea di principio, dal punto di vista delle informazioni relative al confezionamento e all’etichettatura dei prodotti, le normative siano rispettate, l’OCU ritiene che in realtà possa essere considerata una pratica di concorrenza sleale, non essendovi indicazioni chiare per il consumatore sull’aumento dei prezzi e che la mancanza di trasparenza altera la concorrenza. «Il consumatore non dispone di informazioni complete sulla vera natura e caratteristiche del prodotto», il che lo porta a «prendere decisioni errate che possono incidere sui produttori che fanno palesemente alzare il prezzo e che possono essere penalizzati rispetto a che mascherano gli aumenti con riduzioni nella quantità “, afferma l’OCU. Per tutti questi motivi, l’OCU chiede alla CNMC di determinare se la riduzione, dando meno per la stessa, sia una pratica che potrebbe alterare ingiustamente la concorrenza, per mancanza di trasparenza per i consumatori. Oltre alla denuncia alla CNMC, informerà il Ministero dei consumi affinché possa studiare l’attuazione di misure che costringano i produttori a migliorare le informazioni che forniscono ai consumatori sul prezzo e sulla quantità dei loro prodotti. L’organizzazione, a prescindere dalla liceità della riduzioni, critica queste “pratiche opache”, poiché nella maggior parte dei casi sono impercettibili per i consumatori. Ecco perché devi essere consapevole di questi “rilanci nascosti”.

Fabrizio Nucci
Next Post

Alejandro Blanco nega di aver chiesto alla Catalogna 400mila euro per la candidatura olimpica

Alejandro Blanco, presidente del COE. / EFEWinter Games 2030 Il presidente del CdE, accusato di negoziare in segreto con leader indipendentisti, tra cui Artur Mas, non esclude di andare in tribunale di fronte a informazioni “false e di parte” Tre giorni dopo che il Comitato olimpico spagnolo (COE) ha seppellito […]
Alejandro Blanco, presidente del COE.  /EFE