Alejandro Blanco nega di aver chiesto alla Catalogna 400mila euro per la candidatura olimpica

Subashi

Alejandro Blanco, presidente del COE. / EFEWinter Games 2030

Il presidente del CdE, accusato di negoziare in segreto con leader indipendentisti, tra cui Artur Mas, non esclude di andare in tribunale di fronte a informazioni “false e di parte”

Amador GomezTre giorni dopo che il Comitato olimpico spagnolo (COE) ha seppellito la candidatura congiunta di Catalogna e Aragona per i Giochi invernali del 2030, il suo presidente, Alejandro Blanco, ha negato di aver negoziato segretamente con i leader indipendentisti, tra cui Artur Mas, e ha chiesto 400.000 euro al La Generalitat, secondo un rapporto della Guardia Civile raccolto da ‘El Confidentcial’, realizzerebbe “contratti opachi”. «Prima delle dichiarazioni false e tendenziose pubblicate, che tentano di screditare il COE e me come suo presidente, mi riservo di chiedere, per il COE e per me stesso, i chiarimenti, le rettifiche e i compensi eventualmente richiesti dalla legge, anche da giudiziario”, ha annunciato venerdì il massimo leader del Comitato olimpico spagnolo attraverso una dichiarazione dopo essere stato accusato di comportamento irregolare. «In nessun momento il Comitato Olimpico Spagnolo o io stesso abbiamo ricevuto o chiesto un sussidio o alcun importo per i passi compiuti per la suddetta candidatura; Al contrario, questi sforzi hanno generato spese che sono state sostenute dal CdE, imputate alle proprie risorse private”, afferma Alejandro Blanco, che, “per maggiore abbondanza”, ha anche trascritto una dichiarazione rilasciata questo venerdì dal segretario di Sport della Generalitat de Catalunya, Gerard Figueras. «Il CdE non ha mai chiesto un solo euro alla Generalitat. Non uno. Né la Generalitat, mentre io ero responsabile della Segreteria Generale dello Sport, ha trasferito un solo euro al COE. I 400.000 euro che compaiono nella fantascienza pubblicata su questo mezzo di comunicazione (“El Confidentcial”) si riferiscono alla cifra che, dalla Generalitat, abbiamo commentato potremmo provare a preventivare per il 2020, nel caso in cui dovesse andare al Giochi di Tokyo 2020 per promuovere la candidatura, cosa mai accaduta”, ha affermato Gerard Figueras, attuale Segretario per l’Azione Estera della Generalitat ed ex carica dei governi di Quim Torra e Pere Aragonès accusati di varie accuse di corruzione. Secondo ‘El Confidentcial’, la Guardia Civile, nell’ambito dell’indagine contro la presunta massiccia diversione di fondi pubblici al movimento indipendentista, sottolinea ora la natura “opaca” del denaro investito nella candidatura olimpica, “non essendo in grado di escludere un’appropriazione indebita di fondi pubblici. Anche il presidente del governo di Aragona, Javier Lambán, ha annunciato questo venerdì di non escludere di rivolgersi alla giustizia ordinaria di fronte alle “ovvie manipolazioni” della candidatura spagnola frustrate dai confronti politici. “Sappiamo che costituisce un reato”, ha proclamato Lambán riferendosi ai video che il CdE ha fatto trapelare degli incontri tra i tecnici di Catalogna e Aragona e che sono considerati manipolati. “La Catalogna ha agito come unica proprietaria della candidatura e ad Aragon è stato riservato un ruolo di mera troupe”, ha lamentato il leader socialista, accusato da Blanco di aver infranto l’accordo tecnico approvato dal CdE.

“Nessun fottuto caso di Saragozza”

Secondo “El Confidentcial”, durante un incontro tenutosi il 7 novembre 2019 a Vilanova i la Geltrú tra Alejandro Blanco e alti funzionari della Generalitat, il presidente del COE ha assicurato di avere l’approvazione sia del re Felipe VI che del presidente del governo allora in carica, Pedro Sánchez. Il presidente del CdE ha sostenuto che il governo centrale ha ritenuto opportuno lanciare la candidatura olimpica per calmare la situazione in Catalogna. Questo mezzo assicura che Alejandro Blanco ha affermato che sebbene il governo centrale “avrebbe coperto buona parte delle spese”, era necessario l’esborso di 400.000 euro, accettato dai vertici della Generalitat per aver stimato che i Giochi del 2030 sarebbero stati una spinta al secessionismo “Nessun fottuto caso di Saragozza”, avrebbe detto Gerard Figueras durante quell’incontro. «Durante il processo di gestazione e sviluppo della candidatura olimpica invernale 2030, ho tenuto incontri, pubblici e privati, con leader politici, agenti sociali, imprenditoriali e sindacali, sia catalani che aragonesi, per ampliare il più possibile possibile base di appoggio alla candidatura”, ha ricordato Blanco, accusato da Lambán di essere “alleato dell’indipendenza”. «Alejandro Blanco ha sempre insistito sulla parità di condizioni, anche se in Catalogna non ne ha mai parlato. È chiaro che volevano dei Giochi Olimpici esclusivi, lasciando Aragona come comparsa”, ha insistito il presidente dell’Aragona, che ha avuto anche recentemente un confronto dialettico con Pau Gasol. Il leggendario giocatore spagnolo si è lamentato che “c’è stato un tentativo di politicizzazione della candidatura olimpica, soprattutto da parte aragonese”, e Lambán ha quindi invitato Gasol a “essere meglio informato e non dare per scontato che il COE obbedisca a rigidi criteri sportivi”. “La Catalogna ha avuto un comportamento esemplare e di cui vado fiero”, disse il maggiore dei Gasol. “Oggi abbiamo appreso che, in effetti, la Catalogna ha svolto un lavoro impeccabile”, ha lanciato ironicamente il presidente aragonese questo venerdì.

Next Post

Convex Finance è stato preso di mira nell'ultimo exploit di spoofing

In mezzo alla più ampia flessione del mercato, il 24 giugno è stato un giorno piuttosto indimenticabile per la comunità delle criptovalute. Dopo che l’Harmony Bridge è stato attaccato per 100 milioni di dollari, Convex Finance ha esortato i suoi utenti a essere diligenti nel controllare gli indirizzi per l’approvazione […]
Convex Finance è stato preso di mira nell'ultimo exploit di spoofing