I lavoratori autonomi pagheranno tasse comprese tra 245 e 500 euro al mese nel 2023

Subashi

Il Ministro della Previdenza Sociale, José Luis Escrivá, al Congresso dei Deputati. /EP

Escrivá cede alla richiesta del datore di lavoro e attuerà l’aumento dei contributi gradualmente fino al 2025, anche se il taglio per chi guadagna di meno sarà fatto anche gradualmente

Lucia PalaciosIl nuovo sistema contributivo per i lavoratori autonomi comincerà ad essere applicato gradualmente dal prossimo anno, quando verranno corrisposte rate comprese tra 245 e 500 euro, con un rialzo nel 2024 per raggiungere nel 2025 le somme che lunedì scorso lasciavano praticamente concordato il Governo con gli agenti sociali. Il calendario delle domande per questi tre anni doveva ancora essere concordato e il ministro della Previdenza sociale, José Luis Escrivá, ha già inviato loro la proposta completa martedì mattina. Escrivá, ancora una volta, ha ceduto alle richieste dei datori di lavoro e l’aumento delle quote per chi entra di più sarà progressivo. Lo ha chiesto ATA, la principale associazione di liberi professionisti che è integrata nel CEOE. Tuttavia, la riduzione delle quote per chi guadagna di meno sarà fatta anche gradualmente, nonostante sindacati e associazioni come UPTA e UATAE ne avessero chiesto l’attuazione già a gennaio. In ogni caso, l’accordo sembra essere praticamente chiuso, in assenza della Previdenza sociale che invia il testo integrale definitivo, e potrebbe concretizzarsi già “nelle prossime ore”, come hanno spiegato i negoziatori a questo giornale. “La trattativa sta praticamente volgendo al termine. Siamo molto fiduciosi. Siamo molto, molto vicini a un accordo, ma siamo nei momenti cruciali”, ha affermato il presidente di ATA, Lorenzo Amor, che ha indicato che la sua “preoccupazione principale” è che i prezzi per il 2023 e il 2024 fossero “graduali” in vista della “situazione economica attuale”, qualcosa che hanno finalmente raggiunto. Nello specifico i lavoratori autonomi che hanno un reddito netto inferiore a 670 euro al mese inizieranno a pagare una quota di 245 euro nel 2023 (quasi 50 euro in meno rispetto ad oggi, quando il contributo minimo è di 294 euro), nel 2024 cadrà un poco di più, fino a 237 euro, e nel 2025 resterà a 230 euro. Sulla stessa linea, tutti i lavoratori autonomi che hanno redditi inferiori a 1.300 euro inizieranno il 2023 con quote inferiori a quella attuale e verranno abbassati un po’ di più nel 2024 e nel 2025. In totale, circa 2,2 milioni. Per chi guadagna tra 1.300 e 1.700 euro, il prezzo attuale di 294 euro è congelato per i prossimi tre anni.

Più quota per 800.000 autonomi

Al contrario, a partire da 1.700 euro di utile netto, nel 2023 si applicherà un progressivo aumento dei contributi che interesserà quasi 800.000 lavoratori autonomi. La tariffa più alta sarà di 500 euro nel 2023, 530 euro nel 2024 e 590 euro nel 2025. Da UPTA ritengono che questa “proposta progressiva” avanzata dall’Esecutivo sia “adattata” a ciò che intendevano “dal primo momento”, per cui il suo presidente, Eduardo Abad, ha esortato tutte le parti a firmare un accordo perché “non apportare la modifica definitiva del modello contributivo” sarebbe “una vera irresponsabilità”, poiché “avvantaggia solo i lavoratori autonomi con redditi elevati e dimentica il lavoratori autonomi che fanno uno sforzo titanico per riuscire a pagare tutte le tasse».

Next Post

Tezos: valutare se i detentori di XTZ assisteranno a un altro incidente a luglio

La catena della finanza decentralizzata si sta gradualmente riprendendo dalle perdite di giugno. Ma nel processo, è stato rivelato uno schema interessante, che potrebbe suggerire la linea d’azione di XTZ nei prossimi due giorni. Tezos per salire e scendere? L’indicatore MACD (MACD, linea blu e segnale, rossa) ha registrato una […]
Tezos: valutare se i detentori di XTZ assisteranno a un altro incidente a luglio