Feijóo chiude la sua successione in Galizia e passa alla modalità elettorale

Fabrizio Nucci

Il leader del PP vuole essere pronto per le elezioni comunali e regionali del prossimo anno per ottenere un risultato migliore rispetto al 2019

Maria Eugenia Alonso“Per sempre.” Alberto Núñez Feijóo ha salutato questa domenica il PP galiziano, che presiede da 16 anni, dopo aver consegnato il testimone dell’organizzazione territoriale ad Alfonso Rueda, suo successore anche Xunta, e sbarcherà questo lunedì a Madrid per dedicarsi esclusivamente alla politica nazionale e con un occhio al prossimo ciclo elettorale. “Voglio un partito vincente, che generi fiducia” in Galizia e tra “i catalani, i baschi, gli andalusi e il popolo di Madrid”, ha assicurato a chiusura del congresso straordinario del PPdeG. Il leader del popolare ha difeso la promozione di un PP il cui unico obiettivo è “farcela bene” e in cui “si inseriscono molte persone” perché le maggioranze, ha sottolineato, “non si costruiscono sottraendo persone” a un progetto politico. A suo avviso, bisogna dire a “tutti” che “siamo al vostro servizio. “Siamo qui per governare meglio, per rispettare di più, in modo che il governo non sia al di sopra dello Stato e che il Presidente sia il primo spagnolo a difendere lo Stato”, ha sottolineato. Feijóo vuole arrivare pronto per la convocazione elettorale comunale e regionale per ottenere risultati migliori rispetto al ciclo precedente. «Finiti i discorsi, i tappeti ei riflettori sono finiti; Deve funzionare meglio per noi e ne sono convinto”, ha sottolineato. Si prevede che nelle prossime settimane Genova riattiverà i congressi regionali in attesa di avere il partito pronto per le elezioni del 2023. una macchina del PP inarrestabile e noi proteggeremo le macchine del PP». E ha mandato un messaggio a chi cerca rotture con il presidente del Madrid: «So già che a qualcuno dà fastidio. Bene, lasciali aspettare “, si è accontentato.

Fabrizio Nucci
Next Post

Il lavoro incolpa la carenza di camerieri su salari bassi e giornate "estenuanti".

Il ministero comandato da Yolanda Díaz nega un “problema generalizzato di mancanza di manodopera”, nello stile della Grande Dimissione americana, e ammette solo un “fenomeno concentrato su alcuni settori e territori” “Nel nostro Paese non c’è nessun fenomeno simile alle Grandi Dimissioni degli Stati Uniti”. Questa è stata una delle […]
Il lavoro incolpa la carenza di camerieri su salari bassi e giornate