La regina consegna la bandiera da combattimento ai “berretti verdi” della Marina a Cartagena

Fabrizio Nucci

La regina Letizia consegna la bandiera da combattimento ai “berretti verdi” della Marina, questo martedì a Cartagena. / Antonio Gil / AGM

Doña Letizia risponde con saluti e fotografie per venti minuti all’affettuosa accoglienza dei presenti all’atto militare nel porto

Quasi la metà dei posti riservati al pubblico è rimasta vuota. Tuttavia, questa circostanza non ha impedito alla Regina di ricevere un bagno d’affetto questo martedì nel porto di Cartagena, durante la sua partecipazione alla consegna della bandiera da combattimento ai “berretti verdi” della Marina Militare, la Naval War Force Special (FGNE ), in cui ha agito come madrina. Dopo la cerimonia, Doña Letizia ha trascorso più di venti minuti salutando e fotografando la gente di Cartagena che ha accettato l’invito del Comune di assistere a un’altra giornata storica per la Marina. La regina ha posto il culmine di un atto di particolare rilevanza per qualsiasi unità militare con manifestazioni di affetto verso il pubblico, che l’ha accolta con applausi e applausi al terminal crociere Juan Sebastián Elcano. Era incaricata di sponsorizzare la consegna della bandiera, offerta dal ministro della Difesa, Margarita Robles, e ritirata dal comandante dell’FGNE, colonnello del corpo dei Marines Domingo Manuel García Nieto. Nel suo intervento, Doña Letizia ha espresso la sua soddisfazione perché in questa giornata il suo compito istituzionale “è allineato al sentimento generale della società. Gli spagnoli ammirano le nostre Forze armate». Ha anche espresso il suo “privilegio e gioia” per aver visitato la città di Cartagena, così come il riconoscimento dei “berretti verdi” della Marina per le loro “missioni complesse e delicate” alla ricerca del “mantenimento della pace”. Attualmente, i marinai dell’unità rimangono dispiegati nell’Oceano Indiano, fornendo sicurezza per l'”operazione Atalanta” contro la pirateria, e in Iraq, dove forniscono assistenza all’esercito di quel paese.
Galleria. Antonio Gil / AGM Il colonnello García Nieto ha ringraziato la Regina per il suo patrocinio, perché è un “orgoglio” e uno “stimolo” per la Forza. Ha anche ricordato soprattutto i ‘berretti verdi’ che sono in missione in questi giorni e coloro che hanno perso la vita nell’esercizio delle loro funzioni professionali nelle ex unità del FGNE, create il 10 giugno 2000 sulla base delle Operazioni Speciali della Marine Infantry Brigade (UOE) e del comandante Gorordo Special Combat Divers of the Navy (UEBC). Anche il ministro della Difesa, Margarita Robles, ha tenuto un breve discorso, ricordando che questi soldati delle operazioni speciali sono “un esempio di valori, serenità, dedizione e amore per la Spagna”. Ha ricordato la presenza dei ‘berretti verdi’ della Marina Militare nell’Oceano Indiano e in Iraq e, come la Regina, ha rivolto parole di particolare affetto alle loro famiglie. Perché sono il pilastro principale di questi soldati addestrati per missioni ad alto rischio in zone di guerra particolarmente conflittuali e che hanno la discrezione tra le loro qualità più preziose. Come curiosità, tutti i suoi componenti che hanno partecipato all’atto di consegna della bandiera da combattimento indossavano una maschera più per salvaguardare la propria identità che per motivi di salute. Dopo la cerimonia militare, la Regina si è recata all’Arsenale Militare accompagnata dalle autorità e dai membri del FGNE. Lì, nell’ufficio dell’Arsenale, firmò il libro d’onore dei “berretti verdi” della Marina.

Fabrizio Nucci
Next Post

In che modo NPF influisce sul trading Forex?

Quando si tratta di affrontare i mercati finanziari, la verità è che ci sono un gran numero di concetti che devono essere compresi per funzionare nel miglior modo possibile. Un chiaro esempio di ciò che stiamo dicendo è il NPFanche se in realtà non esiste strumento migliore per comprendere a […]
como afecta npf al forex trading