Gli irrigatori del Trasferimento escono “con il cuore spezzato” dall’incontro con il ministro

Fabrizio Nucci

Incontro del ministro Teresa RIbera, Hugo Morán e Teodoro Estrela con gli irrigatori degli Scrats, questo venerdì. / M.F

Teresa Ribera sostiene l’aumento dei flussi ecologici nel Tago e gli agricoltori del Levante proseguiranno con le loro mobilitazioni

Manuel BuitragóSi è concluso con un fallimento l’incontro tra la Ministra Teresa Ribera e gli irrigatori del Trasferimento Tajo-Segura, poiché non vi è stato alcun riavvicinamento rispetto al Piano Tajo, né vi sono stati segnali che il Ministero stia andando a modificare la proposta per aumentare il scorre nel Tago del 43%, secondo il presidente degli Scrats, Lucas Jiménez, al termine di un incontro teso durato quattro ore a Madrid. Accompagnato dal segretario di Stato e dal direttore generale dell’Acqua, il ministro non ha messo sul tavolo nessuna proposta e l’iter progettuale prosegue.

L’unica novità è che l’approvazione dei piani di bacino da parte del Consiglio dei ministri è rinviata a settembre, poiché le scartoffie sono ancora tante. Gli irrigatori del Trasferimento continueranno con le loro proteste e mobilitazioni, poiché non sperano che il Ministero cambi la sua posizione “immobile”, secondo Jiménez. “Continueremo con la nostra linea di lavoro”, ha detto.

Potresti essere interessato a saperne di più dragon ball xenoverse 3

Era accompagnato dai vicepresidenti degli Scrats Javier Berenguer e Fernando Rubio, nonché da Juan Marín, di Lorca; Manuel Martínez del Campo, di Cartagena; e Julio Zapata, di Campotejar. Il segretario di Stato, Hugo Morán, ha spiegato che sarà necessario soddisfare le nuove richieste di Madrid e Ciudad Real, rispettivamente di 60 e 50 ettometri cubi all’anno, quindi ci saranno meno risorse da trasferire a Levante dal capo della Tago. E nello stesso senso, ha detto che l’accordo di Albufeira con il Portogallo deve essere rispettato, cosa che ha infastidito di più i leader degli Scrats.

Hanno sottolineato che mancano le risorse nel bacino del Segura e che non intendono cedere nemmeno un metro cubo del Trasferimento. Il Direttore Generale dell’Acqua, Teodoro Estrela, ha riferito sulle procedure per ampliare la produzione degli impianti di dissalazione e collegarli, partendo da Águilas e proseguendo con Torrevieja e Valdelentisco. “Abbiamo chiesto al ministro di dimenticare i messaggi dei leader regionali da una parte e dall’altra e di concentrarsi sul tentativo di concordare un piano con l’altro. Che gli specchi d’acqua del Tago siano trattati di conseguenza, con criteri eminentemente tecnici, ma non a costo di causare gravi danni socioeconomici nel Levante. Vediamo come risolvono questa sciocchezza tra i due piani”, ha detto Jiménez. «Lascio desolato; non che mi aspettassi qualcosa da questo incontro, ma sono determinati a continuare. La mia impressione personale è che abbiano una posizione immobile”, ha aggiunto.

Fabrizio Nucci
Next Post

Un ragazzino di 11 anni salva un altro ragazzo quando le acque del fiume lo hanno trascinato a Cieza

Eduardo Rodríguez, insieme al padre, nella zona del Paseo Ribereño de Cieza, dove si sono verificati i fatti. / C. Cavaliere Il minorenne ha sentito le grida dell’altro ragazzo e, senza pensarci, ha sfidato la forte corrente e si è gettato nell’alveo del fiume Il ragazzo Eduardo Rodríguez, di soli […]
Eduardo Rodríguez, insieme al padre, nella zona del Paseo Ribereño de Cieza, dove si sono verificati gli eventi./C.  Signore