Tre minori arrestati per presunte aggressioni sessuali su due ragazze di 14 e 15 anni a Murcia

Fabrizio Nucci

Palazzo di Giustizia di Murcia, in un file immagine. / NACHO GARCIA / AGM

Gli atti criminosi indagati, che comprendono anche la detenzione illegale, i feriti e le minacce, sarebbero avvenuti nell’urbanizzazione di Joven Futura nella capitale

Il capo del Tribunale per i minorenni n. 1 di Murcia impone la misura cautelare dell’internamento in regime chiuso per tre minori, rispettivamente di 17, 15 e 14 anni, indagate per i reati di violenza sessuale, detenzione illegale, lesioni e minacce a due ragazze di 14 e 15 anni, nell’urbanizzazione Joven Futura nella capitale. Secondo i dati raccolti negli atti del gruppo di minori della Polizia Nazionale di Murcia, della Procura, delle dichiarazioni delle vittime, degli esami fotografici e dei referti medici, e delle stesse dichiarazioni dei detenuti, ci sono indicazioni che i tre minorenni detenuti Hanno costretto i due ragazzi a salire sulle loro moto, li hanno portati in una zona remota e lì li hanno aggrediti sessualmente contro la loro volontà, ha spiegato il giudice nella delibera di adozione di questa misura cautelare. Accogliendo la richiesta della Procura, il magistrato ritiene che “il provvedimento sia del tutto legittimato”, poiché ci troviamo “di fronte a un evento gravissimo per ledere la libertà sessuale di due minori”, aggravato dall’uso della “minaccia prima e la violenza poi per vincere la resistenza delle vittime” e, “se possibile” gravemente “maggiore per l’uso dell’intimidazione attraverso il gruppo”. Inoltre, sono “minori con scarso rendimento scolastico, nessuna strutturazione del tempo libero e scarso rispetto dell’autorità”, e in alcuni casi già condannati per un diverso atto criminale. Si è convenuto di adottare, in tutti e tre i casi, una misura cautelare di custodia cautelare con l’obiettivo di “proteggere la società in generale e le vittime in particolare, salvaguardare l’ordine pubblico, arginare questo tipo di reato che crea grande allarme sociale tra le giovani donne, avere il minore in piena e permanente collocazione oltre al necessario intervento e tutela del minore”. Inoltre, si tratta di “evitare la recidiva e che i ricorrenti possano essere aggrediti”, non potendo stabilire altri provvedimenti vista la gravità dei fatti e il provvedimento giudiziario che eventualmente potrà essere inflitto in sentenza.

Fabrizio Nucci
Next Post

Indagano su una persona per truffa nella vendita dei biglietti per vedere la finale di Champions League al Bernabéu

La Guardia Civile lavora in un’operazione, in un file immagine. / G.C Finora ci sono 15 vittime situate nella regione di Murcia, Ávila, Cáceres, Madrid, Alicante, Ciudad Real, Bilbao, Navarra e Valencia. PE Sabato, 18 giugno 2022, 14:41 La Guardia Civile indaga su una persona in quanto autrice di un […]
La Guardia Civile lavora in un'operazione, in un file image./GC