Escrivá anticipa 217.000 nuovi posti di lavoro a maggio e denuncia la Banca di Spagna

Fabrizio Nucci

Il Ministro dell’Inclusione, della Previdenza Sociale e della Migrazione, José Luis Escrivá. /EP

Il ministro sostiene l’aumento delle pensioni con il Cpi e avverte il supervisore che “le regole automatiche non funzionano da nessuna parte”

Lucia PalaciosUn giorno dopo che la Banca di Spagna ha messo in discussione la riforma di José Luis Escrivá che collega nuovamente le pensioni al CPI, il ministro ha approfittato dei buoni dati sull’occupazione per il mese di maggio, quando saranno creati circa 217.000 nuovi posti di lavoro in media, secondo le previsioni gestite dal suo dipartimento. Si tratta del terzo miglior dato dell’intera serie storica, poiché nel 2018 e nel 2017 tale cifra è stata superata. Ciò consentirà alla previdenza sociale di stabilire una nuova pietra miliare e superare la barriera di 2,3 milioni di affiliati ad un certo punto del mese. «A ieri avevamo 20.278.000 posti di lavoro. Ad un certo punto questo mese supereremo i 20,3 milioni di occupati”, si vantava il ministro, sottolineando che il mercato del lavoro mantiene “l’enorme dinamismo” dei mesi precedenti. Ed Escrivá ha sottolineato che non solo c’è più occupazione, ma che c’è sempre più qualità grazie alla riforma del lavoro, che sta portando a una crescita “spettacolare” dei contratti a tempo indeterminato. Nello specifico, ha evidenziato che fino a metà maggio sono iscritti oltre un milione di lavoratori a tempo indeterminato (767.000 a tempo indeterminato e 292.000 a tempo indeterminato discontinuo), più di quanto era consueto in questo stesso periodo dell’anno negli anni precedenti la pandemia . E, a sua volta, ha sottolineato che la durata dei contratti è cresciuta di oltre tre giorni grazie al fatto che si sta verificando una “straordinaria diminuzione dei contratti a brevissimo termine” dopo la sanzione stabilita dalla controriforma. Ma il sorriso del ministro è svanito quando ha dovuto commentare le critiche che la Banca di Spagna ha rivolto alla sua riforma delle pensioni, avvertendo che non sta andando nella giusta direzione per raggiungere la sostenibilità e che se non verranno prese nuove misure significherà una minaccia ai conti pubblici. Escrivá, però, contrattacca: le pensioni aumenteranno con il CPI perché la relazione del supervisore è colpevole di “mancanza di sofisticatezza” e non incorpora “nessun nuovo elemento che gli farebbe cambiare idea”. Inoltre, ha categoricamente rifiutato di applicare qualsiasi meccanismo di adeguamento automatico -come richiesto dal governatore- poiché “è chiaramente dimostrato che le regole automatiche ‘di per sé’ tendono a fallire” ed è per questo che le banche centrali -ha sottolineato- sono state allontanarsi e muoversi verso regole più flessibili. Escrivá ha difeso il nuovo meccanismo di equità intergenerazionale che si applicherà dal 2023 per essere una misura “sofisticata” e “semiautomatica” e ha escluso di prendere decisioni per l’anno 2030. “Qualcuno crede che oggi possiamo decidere quali decisioni prendere nel 2030 ? Ha senso stabilire una regola automatica tra 10 anni, dicendo cosa faremo? Sappiamo molto di regole, sono stato presidente di AIReF; quindi, che mi parlino di regole… Comunque. Le regole automatiche non funzionano da nessuna parte.”

Fabrizio Nucci
Next Post

è Solana [SOL] Mercato NFT in difficoltà? Ecco cosa dovresti assolutamente sapere

Il mercato delle criptovalute vacilla da un po’ di tempo sotto pressione ribassista. Ma alcuni altcoin hanno sfidato l’attuale struttura del mercato. Una di queste alternative era Solana. Negli ultimi sette giorni il SOL è cresciuto del 16,06%. Tuttavia, permangono ancora preoccupazioni relative ad alcune delle sue metriche sulla catena. […]
è Solana [SOL] Mercato NFT in difficoltà?  Ecco cosa dovresti assolutamente sapere