Fedea avverte: sovvenzionare la benzina è “spreco di risorse”

Fabrizio Nucci

I. Perez

Gli economisti criticano anche il limite del 2% all’aumento degli affitti previsto dal piano anticrisi perché “aumenta i problemi di approvvigionamento che il settore sta già soffrendo”

Edurne MartinezIl 30 giugno si conclude il periodo di applicazione delle misure previste dal piano anticrisi varato dal Governo il 1° aprile per far fronte alle conseguenze economiche della guerra in Ucraina. L’Esecutivo sta esaminando se sono efficaci nell’estendersi e come sarebbe fatto. In questo contesto, gli economisti di Fedea ritengono che siano aiuti con un “costo di bilancio elevato” che non raggiungono proprio chi ne ha più bisogno. La Foundation for Applied Economics Studies ha pubblicato lunedì un rapporto in cui precisa che la generalizzazione degli aiuti “spreca risorse indirizzandole verso gruppi poco colpiti dallo ‘shock'”. Inoltre, gli esperti ritengono che misure come il bonus di 20 centesimi al litro sul prezzo del carburante riescano solo a “stimolare” la domanda di energia, che “spinge al rialzo i prezzi” e “ingrassa il reddito della Russia dalle sue esportazioni. ». A suo avviso, sarebbe più opportuno destinare gli incrementi della riscossione dell’IVA e delle tasse speciali generati dall’aumento dei prezzi dell’energia a compensare le fasce più colpite da tale aumento. Indicano anche l’introduzione di “tariffe” sulle importazioni di gas russo, che genererebbero “entrate aggiuntive per compensare i perdenti della crisi” e scoraggerebbero il consumo di energia di origine russa. Ma il gabinetto di studio non solo critica questo provvedimento del piano recentemente approvato in Congresso, ma ritiene anche che la limitazione all’aggiornamento dei canoni fissati al CPI sopra il 2% potrebbe contribuire ad aumentare i problemi di approvvigionamento che già soffre il settore a causa di l’«erosione» della certezza del diritto in materia abitativa. “Questa limitazione potrebbe, forse, avere un senso come parte di un accordo generale sul reddito, ma non come un’azione indipendente”, affermano.

contratto di affitto

Il gabinetto degli studi non solo critica questo provvedimento, ma ritiene anche che la limitazione all’aggiornamento dei canoni fissati al CPI superiore al 2% potrebbe contribuire ad aumentare i problemi di approvvigionamento che già soffre il settore. “Questa limitazione potrebbe, forse, avere un senso come parte di un accordo generale sul reddito, ma non come un’azione indipendente”, affermano. E proprio sul patto del reddito chiedono che vi siano inseriti pensionati e dipendenti pubblici per “distribuire tra tutti i costi della crisi”. Riconosce che non ci sarà una formula ideale per ridurre l’inflazione, ma in assenza di un tale accordo, questo aumento dei prezzi può diventare “cronico”, riducendo la nostra competitività internazionale e il valore del risparmio. In tal senso, la fondazione propone che le pensioni -salvo quelle minime- e gli stipendi dei dipendenti pubblici aumentino nel 2023 con l’inflazione di fondo (al 4,4% ad aprile, invece dell’8,4% del tasso generale) per ripartire il costo del guerra “il più equamente possibile”. “Sarebbe necessario mantenere la crescita di salari e pensioni al di sotto dell’inflazione generale”, spiegano.

Allunga la vita delle centrali nucleari

Anche sul divieto di licenziamento oggettivo per motivi legati alla guerra, Fedea ritiene che potrebbe finire per aumentare i licenziamenti «se servisse a impedire a quelle aziende che temono di non poter trattenere tutta la loro forza lavoro dalla partecipazione all’ERTE e ad altri aiuti meccanismi”. E danno le loro chiavi per alleviare questa crisi, come “riconsiderare” gli attuali piani per la chiusura delle centrali nucleari esistenti. Fedea ritiene che le “procedure e investimenti” per “l’allungamento della vita utile” dovrebbero partire subito. Riconosce inoltre che la misura che cerca di facilitare l’aumento della capacità di produzione di energia elettrica rinnovabile semplificando alcune procedure “sta andando nella giusta direzione”, sebbene ritenga che avrà un effetto “molto limitato”.

Fabrizio Nucci
Next Post

La settimana che definisce Bitcoin: si schiererà con i rialzisti o inaugurerà ulteriori ribassi

L’azione dei prezzi di Bitcoin è stata piuttosto un ottovolante soprattutto nell’ultima settimana circa, durante la quale è diventata fortemente ribassista. Tuttavia, è attualmente in una posizione critica che potrebbe determinare se continuerà a rallentare o registrerà un rally di ripresa nei prossimi giorni. Bitcoin è attualmente scambiato a $ […]
La settimana che definisce Bitcoin: si schiererà con i rialzisti o inaugurerà ulteriori ribassi