Denunciano che il progetto di costruire 14 centri sanitari nella Regione di Murcia si nutre di “impegni non mantenuti”

Subashi

Il centro sanitario del quartiere El Carmen, in un file immagine. / NACHO GARCIA / AGM

L’Associazione per la Difesa della Salute Pubblica (ADSP) sottolinea che la maggior parte degli investimenti previsti sono stati inseriti nel Programma Regionale per il Miglioramento dell’Assistenza Primaria 2018-2022

Javier Perez ParraIl Piano di investimenti e infrastrutture per l’assistenza primaria 2022-2026, presentato martedì dal presidente della Comunità, Fernando López Miras, comprende tutta una serie di opere che, in molti casi, erano già contemplate nel Piano per la promozione e il miglioramento della Assistenza primaria (Paimap) (2018-2022). Si tratta, come ha denunciato mercoledì l’Associazione per la Difesa della Salute Pubblica (ADSP), un susseguirsi di “impegni non mantenuti che si annunciano come qualcosa di nuovo”. “Praticamente tutti gli investimenti per la costruzione di nuovi centri sanitari erano già contemplati nella Paimap. Dei 14 centri sanitari inclusi in questo nuovo Piano di investimenti, 12 erano già previsti per essere costruiti tra il 2019 e il 2021″, avverte l’Adsp in una nota. “Quello di Yecla è stato annunciato dallo stesso presidente nel marzo 2019”, aggiunge questa organizzazione. «Di tutto quanto ora pianificato e impegnato, è previsto un solo nuovo investimento, quello del centro sanitario Librilla, con un importo previsto di 2,9 milioni di euro. Il resto di quanto promesso e annunciato ora come nuovo era già stato preventivato come investimento dallo stesso governo regionale dal 2018 e dal 2019 “, ha insistito l’ADSP. Il caso più paradigmatico è quello del centro sanitario di Santiago e Zaraiche, che è sul tavolo da due decenni, accumulando ritardi e ostacoli di ogni genere. Questa infrastruttura non è stata nemmeno inclusa negli ultimi bilanci comunitari. La salute lo ha giustificato perché il progetto è in attesa di autorizzazione comunale in quanto il terreno si trova in un’area dichiarata fortemente allagata dalla Confederazione idrografica di Segura (CHS). Adesso, però, le opere ricompaiono nel piano degli investimenti.
La Comunità prevede di costruire quattordici centri sanitari e rinnovarne altri undiciIl presidente della Comunità, Fernando López Miras, ha ammesso martedì che parte degli investimenti previsti erano già previsti nel piano precedente e ha indicato lo scoppio della pandemia come causa dei ritardi. Il nuovo progetto, ha difeso, è più ambizioso e accelererà gli investimenti. Accanto ai 14 centri di nuova costruzione, che nella maggior parte dei casi andranno a sostituire edifici obsoleti o insufficienti, verranno rinnovati altri 11 centri sanitari. Il piano prevede un investimento totale di 113 milioni. Secondo i dati forniti dalla Community, l’86,8% corrisponde alle casse regionali, mentre 6,2 milioni proverranno dai fondi Feder e 8,8 milioni dalla Next Generation. Il Ministero della Salute ha annunciato un piano nazionale di cure primarie rivolto non tanto alle infrastrutture quanto al rafforzamento del personale e ad altre misure. Le comunità hanno avuto tempo fino alla fine di marzo per presentare le loro proposte, poiché sono fondi finalisti. Non è emerso al momento quali misure abbia proposto il Ministero o quali soldi la Regione potrebbe ricevere in questo modo.
L'Assemblea richiede risorse finanziarie dal governo centrale per il piano di cure primarieL’ADSP ha criticato che il piano presentato dalla Comunità punta sugli investimenti e non completa la creazione di nuovi posti in Primaria. «Il nuovo piano ovvia agli investimenti essenziali da fare per l’assunzione di personale per le équipe di Primary Care, che erano stati inseriti nel piano precedente. Così, la Paimap ha fatto una previsione dei nuovi luoghi necessari da creare ogni anno per medici di famiglia, pediatri, infermieri, assistenti sociali, fisioterapisti e ostetriche”, ha affermato l’associazione. Tuttavia, non ci sono previsioni di posti nel nuovo piano né sono contemplati nei budget 2022, ha lamentato l’Adsp. L’Associazione in Difesa della Sanità Pubblica ritiene, per tutti questi motivi, che «l’annuncio del nuovo piano risponde più a obiettivi di propaganda pre-elettorale che non alla difesa e al miglioramento delle cure primarie, e dimentica ancora una volta l’urgenza di un’adeguata fornitura di risorse umane”.

Next Post

L'efficienza del mining di BTC è cresciuta del 63% da 12,6 a 20,5 EH per GW, ma...

Il 25 aprile 2022, il Bitcoin Mining Council (BMC) ha pubblicato un rapporto che fornisce i risultati relativi a un sondaggio condotto dall’organizzazione. I risultati si sono concentrati sulle tre principali metriche di consumo di elettricità, efficienza tecnologica e mix energetico sostenibile. Il rapporto ha confermato i miglioramenti anno su […]
L'efficienza del mining di BTC è cresciuta del 63% da 12,6 a 20,5 EH per GW, ma...