L'hacking di Internet in Kazakistan può influire sul mining di Bitcoin

Digital Team

Bitcoin, Economia

Manifestanti davanti al municipio di Almaty, Kazakistan

Il Kazakistan ospita attualmente il 18,1% di tutta la potenza di calcolo di Bitcoin e i minatori stanno soffrendo per un blackout di Internet a livello nazionale.

Secondo Bloomberg, il governo del paese sta affrontando quella che sarebbe la sua più grande sfida da decenni. Forti proteste hanno avuto luogo in Kazakistan dallo scorso fine settimana, quando i prezzi del carburante sono decollati nel paese.

Il presidente, Kassym-Jomart Tokayev, ha promesso di rispondere alle manifestazioni "nel modo più duro possibile" dopo che gli agenti di polizia sono stati uccisi in servizio durante gli atti. I manifestanti chiedono che Nursultan Nazarbayev, presidente da più di 30 anni e che ha scelto Tokayev come suo successore, rilasci le redini del potere.

Guarda i video del momento in cui la popolazione ha invaso e dato fuoco al complesso presidenziale ad Almaty, in Kazakistan:

In risposta alle proteste, il presidente ha annunciato questo mercoledì (5) che avrebbe assunto la guida del Consiglio di sicurezza di Nazarbayev e ha promesso di rimanere nella capitale "qualunque cosa accada".

Dichiarando lo stato di emergenza, Tokayev potrebbe imporre il coprifuoco, vietare le proteste e limitare l'accesso a Internet per sedare la rara manifestazione di dissenso nel paese strettamente controllato.

In che modo le proteste possono influenzare l'estrazione di bitcoin in Kazakistan?

Secondo NetBlocks, un'agenzia di monitoraggio di Londra, l'accesso a Internet è stato effettivamente interrotto oggi, colpendo anche l'estrazione di bitcoin nel paese.

Il taglio di Internet è probabilmente accaduto per limitare la copertura delle notizie sulle crescenti proteste antigovernative.

Per BitMex Research, l'evento potrebbe causare una nuova migrazione di massa di minatori, come avvenuto nel divieto di attività in Cina intorno a giugno dello scorso anno.

All'epoca, il prezzo del bitcoin era sceso di oltre il 50%, ma l'impatto di un evento come questo che si ripete sarebbe probabilmente molto inferiore. Innanzitutto perché la Cina deteneva circa il 65% dell'hashrate di bitcoin, mentre il Kazakistan ha oggi circa il 18,1% dell'hashrate.

Infine, dopo che la potenza di calcolo di Bitcoin ha riacquistato la sua forma a V in pochi mesi, gli investitori potrebbero essere più sicuri dell'antifragilità della rete Bitcoin.

bitcoin hashrate
Velocità di potenza di calcolo Bitcoin. Fonte: Lopp .

Per saperne di più:

  • Perché le banche centrali hanno acquistato tonnellate di oro nel 2021?
  • Airbnb può accettare criptovalute nel 2022
  • Come pagare il conto Nubank senza avere soldi?

L'hacking di contenuti Internet in Kazakistan può influire sul mining di Bitcoin apparso per la prima volta su Cointimes .

82567062173

Manifestanti davanti al municipio di Almaty, Kazakistan Il Kazakistan ospita attualmente il 18,1% di tutta la potenza di calcolo di Bitcoin e i minatori stanno soffrendo…

L'hacking di contenuti Internet in Kazakistan può influire sul mining di Bitcoin apparso per la prima volta su Cointimes .

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Next Post

L'ascesa della DeFi ha portato a nuove opportunità per i criminali, afferma Chainalysis

Sicurezza