Investi nel mercato azionario in tempi di inflazione

Emy

Il investimento in borsa quando c’è un’inflazione normale non deve essere negativa. In generale, l’inflazione controllata è associata alla crescita economica dei mercati. Tuttavia, devi stare molto attento, poiché la linea che separa il successo dal fallimento è molto sottile. Pertanto, in questo post vogliamo darvi alcuni consigli per i commercianti in modo da poter investire con successo nei mercati azionari in modo duraturo.

L’inflazione attuale non fa bene al mercato azionario

Si noti, tuttavia, che a aumento troppo elevato dell’inflazione non positivo per le azioni. Infatti, la crescente escalation dei prezzi sta provocando una diminuzione del valore dei mercati. In Europa il limite massimo è stato raggiunto per tutto il mese di novembre, dove la media europea si è attestata al 4,9%. Allo stesso modo, la Banca Centrale Europea ha già avvertito che per tutto il 2022 rimarrà stabile al di sopra del 2%. Questa crescita dell’inflazione è la principale risposta al aumento del costo dei combustibili e delle fonti di energia come gas o elettricità. Infatti, il 50% dell’incremento registrato nel mese di novembre è rappresentato esclusivamente dall’energia. L’impatto di questa inflazione varia a seconda del settore a cui ci si rivolge. Per questo motivo, uno dei migliori strategie di trading in periodi di inflazione deve essere chiaro su quei settori in cui possiamo trarne il massimo. Sapere quando vendere in borsa È essenziale.

Sii chiaro sui settori in cui devi guardare

Come regola generale, i settori che sono più vantaggiosi per te come investitore saranno quelli che lo saranno sono in grado di trasferire i maggiori costi di produzione sul consumatore finale. In questo modo avranno la possibilità di mantenere il margine di profitto che avevano già in passato. Ciò si tradurrà in un profitto nominale più elevato e quindi il valore delle tue azioni crescerà sul mercato azionario. Storicamente, i settori petrolifero ed energetico hanno registrato buone performance in periodi di inflazione. Questi tipi di società hanno sovraperformato l’inflazione 71% tutto il tempo. Come mai? Fondamentalmente perché i prezzi dell’energia sono direttamente collegati all’inflazione. Pertanto, quando aumenta, aumenta anche il suo valore di mercato. In questo senso, quando si vede che l’inflazione sta crescendo, è consigliato acquistare azioni società energetiche e il settore petrolifero.

Il settore immobiliare, un altro dei più redditizi

Il settore immobiliare è anche uno dei più importanti. Sebbene abbiano meno attività quotate in borsa, è importante far rilevare le aziende più importanti. Le società immobiliari hanno la funzione di generare profitto attraverso l’aumento dei prezzi degli affitti e la vendita di alloggi grazie all’inflazione. Tuttavia, quelle società che si dedicano ai mutui non dovrebbero essere nel tuo portafoglio. Il valore del mutuo diminuisce quando l’inflazione sale. Le tecnologie hanno lo stesso percorso di investimento a lungo termine, quindi non è nemmeno una buona opzione. La maggior parte dei flussi di cassa non sarà liquida per molto tempo, il che li rende meno preziosi oggi a causa dell’inflazione. È sempre importante dare un’occhiata al principali mercati azionari mondiali per rilevare le opportunità In conclusione, l’inflazione è una delle fattori più importanti per investire nel mercato azionario. È essenziale disporre di un portafoglio di attività ben definito quando si entra in un periodo economico con queste caratteristiche. Iscriviti al club BPT gratis: un grande club con persone come te in cui approfondire la conoscenza del trading e del mercato azionario.

Next Post

I naturalisti calcolano che entro il 2040 la lince iberica non sarà più a rischio di estinzione

lince iberica. / File, Archivio SDG 15 | vita dell’ecosistema terrestre Il WWF stima che in 18 anni la popolazione di femmine riproduttrici raggiungerà i 750, cifra che garantisce la continuità della specie L’organizzazione naturalistica WWF ha diffuso una stima scientifica che indica che nel 2040 la lince iberica lascerà […]
Lince iberica./Archivio