Il governo delle Isole Canarie ha pagato a una società quattro milioni per alcune mascherine che non ha mai ricevuto

Fabrizio Nucci

Il Servizio sanitario delle Isole Canarie (SCS) ha pagato in anticipo quattro milioni di euro a una società chiamata RR7 United SL, che si dedica all’acquisto e alla vendita di veicoli, per l’acquisizione di un milione di mascherine FFP3 che non sono mai state consegnate. Dopo quasi due anni di contenzioso, l’Esecutivo ha risolto il contratto per inadempimento e ora l’Agenzia delle Entrate è al lavoro per recuperare il denaro attraverso la procedura esecutiva sui beni del responsabile di questa società, secondo CANARIAS7. L’amministrazione regionale ha pagato tale cifra economica in due versamenti, anticipati e senza richiedere una garanzia definitiva alla società per azioni, come previsto dal regio decreto sulle misure urgenti in vigore dal covid, sebbene in questo caso la merce non sia mai stata consegnata . È arrivata una sola spedizione che è stata distrutta dalla dogana per non aver soddisfatto i requisiti richiesti. Successivamente, gli aggiudicatari si sono impegnati a portarne altri con un aumento del 20% della voce in considerazione del ritardo, ma non hanno rispettato e, inoltre, non ci sono stati segni di vita. Tutto questo, nonostante le numerose richieste da parte dell’Amministrazione di restituire i soldi ricevuti a seguito di questo contratto emergenziale. RR7 United SL non è stata informata dei vari requisiti formulati dalla Direzione Generale delle Risorse Economiche del Servizio Sanitario delle Canarie (DGRE), che ha persino pubblicato la risoluzione del contratto sulla Gazzetta Ufficiale delle Isole Canarie il 5 aprile 2021 di fornitura e l'”avvio della procedura di rimborso dei fondi svincolati anticipatamente” per i predetti quattro milioni di euro, oltre interessi.Questa società ha domicilio fiscale in Calle Venegas nel capoluogo di Gran Canaria, luglio 2016 ed ha un massimale capitale sociale di 3.500 euro. Il suo amministratore unico è un uomo d’affari di Gran Canaria legato, per la maggior parte, al settore automobilistico, senza alcuna relazione con il settore sanitario.
Primi passiIl contenzioso ha avuto il suo inizio dopo che il Ministero della Salute ha decretato “l’emergenza e l’esecuzione delle azioni necessarie” di fronte alla situazione critica rivelata dai casi di coronavirus in due delibere emesse il 27 febbraio e il 18 marzo 2020 La carenza di mezzi materiali ha indotto il SCS a considerare la “necessità di acquisire mascherine 3M N95”, evidenziano le delibere della DGRE, poiché la fornitura di tali mascherine era fondamentale per soddisfare le esigenze del personale sanitario. In questo modo, in data 25 maggio 2020 -entro il periodo di validità dello stato di allarme- la DGRE ha proceduto attraverso la procedura di emergenza, a formalizzare un ordine a RR7 United SL per un milione di mascherine 3M Modello 1860 per un importo di quattro milioni euro. “Questo materiale sarà destinato esclusivamente agli ospedali pubblici dipendenti dal Canary Health Service, per occuparsi di situazioni derivate da COVID-19”, ha stabilito l’accordo. Il 4 giugno RR7 United SL ha emesso fattura con l’importo totale della merce “per il pagamento anticipato dell’importo secondo un pagamento frazionato in due bonifici del 50%”. Per questo il SCS, con delibera del 7 agosto 2020, ha disposto lo “svincolo per giustificare” l’anticipo di due milioni. Ma in risposta a questo primo abbonamento, RR7 United SL ha inviato un’e-mail il 19 ottobre in cui affermava che “data la complessità dell’acquisizione di maschere 3M tramite i fornitori di tale prodotto”, poiché denunciavano una “grande richiesta da parte di governi ed enti istituzionali “, hanno dovuto effettuare l’intero pagamento per non trovarsi “in coda alla ricezione della merce, oltre ad un notevole aumento di prezzo”. In questo scenario, l’aggiudicatario ha richiesto i quattro milioni di anticipo per non generare «rischio di ‘stockage’ e ‘pricing’ con il fornitore e anche ‘rischi legali per inadempimento contrattuale’. Nove giorni dopo, il 28 ottobre, la direttrice generale dei Programmi di Assistenza ha emesso un verbale in cui ha riconosciuto “l’urgenza di completare l’iter di acquisizione delle mascherine 3M per il personale sanitario” del SCS, per cui il 30 dello stesso mese, la DGRE ha disposto il pagamento dei restanti due milioni. Ma le settimane passavano e la SCS non riceveva la merce acquistata dall’azienda automobilistica e, per questo motivo, l’allora responsabile dell’area Risorse economiche, Ana María Pérez, inviò loro un’e-mail il 3 dicembre chiedendo ” informazioni sulla data approssimativa di ingresso delle mascherine 3M». RR7 United SL ha risposto il giorno dopo con questo messaggio: «Le mascherine 3M sono già nella Penisola in attesa della spedizione per andare a Gran Canaria, il problema del ritardo è stato dovuto alla logistica e al trasporto fino a qui. La prossima settimana li avremo qui. Scusate il ritardo, ma non è stato per colpa nostra. Spero di spedirli in pochi giorni», dettaglia l’e-mail. Ma i giorni continuarono a passare finché l’8 gennaio 2021 Ana María Pérez si rivolse alla società per azioni che stava violando l’accordo. La risposta è durata tre giorni e l’amministratore ha affermato che la soluzione al problema è stata immediata: “In primo luogo, mi scuso per la ritardata consegna della merce dovuta a un problema esterno a noi e se interno al distributore 3M, la cui comunicazione è stata ritardata .consegna. Oggi ci hanno detto che confermano la partenza con la merce che arriva direttamente a Las Palmas de Gran Canaria (via aerea). Ribadisco ancora le mie scuse, e oggi spero di avere le informazioni sull’arrivo delle mascherine, grazie. Ma queste due precedenti scuse sono state accompagnate il 15 gennaio da un’altra email inviata da RR7 United SL alla SCS in cui un agente fiduciario che ha eseguito l’acquisto di nome Charles Douglas ha avvertito che la transazione con la società 3M non sarebbe stata possibile. . “Dopo molto investimento di tempo e sforzi”, ha dettagliato, RR7 United SL è stata “vittima di molteplici ritardi, truffe sui prezzi, false dichiarazioni dei broker e alla fine potrebbe essere delusa dalla catena di approvvigionamento più recente che aveva rappresentato”, ha spiegato Douglas. Per questo motivo e in previsione di questi inconvenienti, “è stata contratta e preparata una nuova catena di approvvigionamento parallela nel caso in cui la nuova catena di approvvigionamento non fosse in grado di fornire una fornitura tempestiva e priva di rischi”, ha aggiunto. Alla luce dei fatti e del fatto che l’oggetto del contratto di emergenza non era stato “realizzato” e, inoltre, era trascorso il termine massimo di tre mesi previsto, il SCS ha determinato la risoluzione del contratto e il “rimborso” dall’aggiudicatario dei quattro milioni pagati in anticipo, procedura iniziata il 1° febbraio. La DGRE ha inviato tale delibera con lettera raccomandata con avviso di ricevimento all’indirizzo dell’aggiudicatario il 2 febbraio 2021, ma dopo due tentativi di notifica non andati a buon fine, è stato lasciato un avviso di arrivo nella casella di posta per RR7 United SL. “Dopo che nessun rappresentante della società ha ritirato la lettera certificata dall’ufficio postale, il 17 febbraio 2021 la lettera è stata restituita dall’ufficio postale”, ha spiegato il direttore generale Ana María Pérez, che ha lasciato l’incarico di propria decisione nell’aprile del 2022 .
maschere finteNel frattempo, a marzo 2021, un lotto è arrivato in aeroporto con il milione di mascherine -presumibilmente da 3M- che i responsabili di RR7 United SL avevano acquisito. Ma gli stessi, giunti dall’Etiopia, sono stati sequestrati dalla dogana per un mese finché non hanno scoperto che i francobolli non erano originali. Per questo sono stati inceneriti e il pagamento per lo stoccaggio e la distruzione -30.000 euro- è stato pagato dall’amministratore dell’aggiudicatario. L’azienda ha offerto un altro tipo di maschera di una marca diversa e la SCS ha accettato a condizione che le inviasse il 20% in più allo stesso prezzo. Data l’impossibilità di contattare l’aggiudicatario, che non ha inviato la merce, l’Amministrazione ha pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale delle Isole Canarie (BOC) numero 68, del 5 aprile 2021, concedendo all’amministratore o a un rappresentante un periodo massimo di dieci giorni lavorativi, conteggiati dal giorno successivo alla pubblicazione in modo che appaia negli uffici amministrativi di questo centro di gestione a Las Palmas de Gran Canaria. Il 22 aprile Ana María Pérez ha firmato una procedura per registrare che, “dopo un periodo di dieci giorni lavorativi”, nessun rappresentante di RR7 United SL si era “presentato presso gli uffici del centro di gestione per essere informato del testo completo del suddetto risoluzione». Ma avverte che, trattandosi di “appalto emergenziale” non si richiede all’aggiudicatario “di costituire una garanzia definitiva, ai sensi dell’articolo 16.2 del regio decreto-legge 7/2020, del 12 marzo, con il quale le misure urgenti per rispondere all’impatto economico del Covid-19. Ciò significa che la SCS non ha avuto modo, nel breve termine, di recuperare i quattro milioni che aveva anticipato a questa presunta società di comodo che, quasi un anno dopo, ha commesso questa presunta truffa. Affinché RR7 United SL non presentasse accuse, non era necessario un parere del Consiglio consultivo delle Isole Canarie, quindi la DGRE del Servizio sanitario delle Canarie ha emesso una risoluzione il 13 maggio 2021 in cui è iniziato “il periodo esecutivo”, Procedendo al recupero crediti presso l’Agenzia delle Entrate “mediante procedura esecutiva sul patrimonio del soggetto obbligato al pagamento”, ovvero il sequestro di conti e beni per un valore di quattro milioni di euro, oltre agli interessi moratori e alle soprattasse del periodo esecutivo.

Fabrizio Nucci
Next Post

Bunbury cancella il suo tour d'addio: "Per me è impossibile fare più concerti"

Enrico Bunbury. / es I suoi problemi alla gola e alle vie respiratorie sono aumentati nella prima parte americana di […]
Enrico Bunbury.  /Efes