Il lavoro incolpa la carenza di camerieri su salari bassi e giornate “estenuanti”.

Fabrizio Nucci

Il ministero comandato da Yolanda Díaz nega un “problema generalizzato di mancanza di manodopera”, nello stile della Grande Dimissione americana, e ammette solo un “fenomeno concentrato su alcuni settori e territori”

Lucia Palacios“Nel nostro Paese non c’è nessun fenomeno simile alle Grandi Dimissioni degli Stati Uniti”. Questa è stata una delle grandi conclusioni condivise che sono state tratte dall’incontro tenutosi lunedì dal Segretario di Stato per l’Occupazione, Joaquín Pérez Rey, con gli agenti sociali per affrontare gli oltre 109.000 posti di lavoro attualmente disponibili in Spagna, secondo i dati funzionari dell’INE. Pérez Rey ha rifiutato attivamente e passivamente che si sta verificando un “fenomeno simile” a quello degli Stati Uniti, dove più di quattro milioni di lavoratori hanno abbandonato volontariamente il lavoro negli ultimi mesi. E nemmeno che ci sia un “problema generalizzato di mancanza di manodopera in qualsiasi settore dell’economia spagnola”. Il ministero comandato da Yolanda Díaz ammette solo un “fenomeno concentrato in alcuni settori e territori” di deficit di lavoratori. E nella riunione di lunedì erano già stati dati loro nome e cognome, in mancanza di svolgere nelle prossime settimane -dai sindacati e dai datori di lavoro- un’analisi più approfondita. I posti vacanti sono concentrati nei “settori a maggiore complessità tecnica”, come l’informatica, il cloud computing, l’analisi dei sistemi, la cybersecurity, l’intelligenza artificiale, la ‘blockchain’… per i quali -secondo la Segreteria di Stato e successivamente validati i sindacati – è necessario riqualificare i lavoratori. Ma, in più, si registrano “problemi concreti e molto concentrati per territori” nel settore primario, nelle costruzioni, nell’alberghiero e nei trasporti. Tuttavia, Pérez Rey ha avvertito che non si può parlare di “una generalizzata mancanza di posti vacanti” e ha dato l’esempio che il settore alberghiero concentra solo il 4% del totale dei posti vacanti, “una cifra molto piccola”. Per questo la numero due di Yolanda Díaz non ha scosso la voce quando si è trattato di incolpare di questo deficit salari bassi e condizioni di lavoro molto precarie. “Non è tanto per mancanza di volontà di lavorare, quanto piuttosto che le condizioni non sono sufficientemente adeguate per vivere in quei paesi”, ha detto anche il professore, che ha anche denunciato che in alcune convenzioni alberghiere si lavora al di sotto del salario minimo, mentre in questi paesi l’affitto medio può raggiungere i 1.400 euro al mese. “Non stanno pagando abbastanza e non sono soddisfatte le condizioni necessarie per accedere a questi lavori”, ha ribadito. Tra questa mancanza di condizioni di lavoro dignitose, ha elencato i salari minimi e anche al di sotto della SMI (cosa che sarebbe illegale), l’assenza di permessi, i fine settimana, l’orario di lavoro dall’alba al tramonto… che impediscono di conciliare la vita lavorativa con il personale. Per questo, il Segretario di Stato ha sottolineato che questa ha una “soluzione facile: pagare correttamente, rispettare l’orario di lavoro e permettere di conciliare la vita personale con il lavoro; con ciò, sono sicuro che quei posti vacanti svaniranno come schiuma».

Fabrizio Nucci
Next Post

Cardano: Valutare se i rialzisti dell'ADA sono ancora pronti a riprendere il controllo rialzista

Dichiarazione di non responsabilità: i risultati della seguente analisi sono le uniche opinioni di chi scrive e non devono essere considerati consigli di investimento. di Cardano [ADA] il prezzo è stato sotto un’influenza ribassista da quando è sceso dal suo ATH lo scorso anno. Di conseguenza, è sceso al di […]
Cardano: Valutare se i rialzisti dell'ADA sono ancora pronti a riprendere il controllo rialzista