Uno sguardo più da vicino all’incursione “sproporzionata” del Nord America nelle criptovalute, blockchain

Subashi

Gli ultimi anni hanno visto emergere molte nuove startup basate su blockchain in tutto il mondo. Alcuni affermati come Coinbase hanno anche tenuto offerte pubbliche di discreto successo. Considera questo: il numero di nuovi ingressi nel settore quest’anno ha quasi eguagliato le cifre degli ultimi due anni messi insieme. Tuttavia, tale crescita nel settore della blockchain è stata geograficamente sproporzionata. Infatti, secondo un recente rapporto, la maggior parte delle nuove società sono emerse dal Nord America, ovvero dagli Stati Uniti e dal Canada. Un rapporto pubblicato da Coinshares ha rivelato che il Nord America è il più alto in termini di numero di società blockchain pure-play. La regione rappresenta il 68% di tutte le 57 criptovalute quotate in borsa, con gli Stati Uniti che ne hanno 25, seguiti dal Canada con 14. Anche per quanto riguarda il valore, il Nord America ha dominato quasi interamente la quota di mercato totale di queste società al 94%. Mentre il Canada aveva una quota di capitalizzazione di mercato del 13%, gli Stati Uniti godevano di uno schiacciante 81% della quota totale. Ciò non sorprende dal momento che l’exchange più popolare del continente, Coinbase, ha recentemente visto un’IPO di successo con aziende leader come JP Morgan, Morgan Stanley che ora possiede le sue azioni. Il rapporto cita anche la “natura liquida” del mercato americano. Gli investitori nel mercato americano hanno una maggiore propensione al rischio e apertura a nuove tecnologie, portando così a valutazioni più elevate. È interessante notare che i guadagni più alti dall’inizio dell’anno non sono stati gli scambi, ma le società minerarie. La loro capitalizzazione di mercato aggregata è aumentata del 121% sulla scia del più ampio aumento del mercato delle criptovalute, insieme al calo dell’hashrate minerario di Bitcoin dovuto alla repressione mineraria della Cina. Ciò ha determinato maggiori profitti per i restanti minatori. Mentre i servizi cripto-finanziari hanno visto un aumento del 105%, gli scambi hanno registrato un “semplice” aumento del 34%. Questo, nonostante la loro capitalizzazione di mercato sia la più alta tra le altre. Inoltre, poiché il settore dei servizi finanziari include società che gestiscono e investono fondi in criptovalute, la loro crescita del 105% è stata in linea con l’apprezzamento del prezzo del 111% di Bitcoin. Questo settore include aziende come Square e JP Morgan Chase, leader nel settore finanziario. Non sorprende che si possa osservare anche una correlazione tra i picchi di prezzo delle criptovalute e le nuove attività incentrate sulla blockchain, con le corse al rialzo del 2018 e del 2021 in coincidenza con il pesante afflusso di nuove società. Ergo, anche la loro performance è poi determinata dai movimenti di mercato, con quelle quotate nel 2021 che superano di gran lunga le società più vintage. Tuttavia, gli investitori sono stati ugualmente entusiasti di queste nuove attività. In effetti, un recente rapporto di KPMG ha rilevato che gli investimenti istituzionali in blockchain hanno superato di gran lunga gli afflussi nelle criptovalute. Qui, le attività di investimento includono capitali di rischio, fusioni e acquisizioni alla ricerca di promettenti startup fintech. Inoltre, anche le principali banche globali come Barclays, Citigroup, Goldman Sachs, JP Morgan Chase e BNP Paribas stanno investendo pesantemente nell’ecosistema. Attraverso investimenti sia diretti che indiretti. Con aziende come Binance che puntano a un’IPO, gli investimenti diretti nel settore blockchain cresceranno solo dalle sue cifre di $ 98 miliardi.

Next Post

Huobi: il prezzo di TALK supportato da portafoglio NFT aumenta del 15,900% durante il 3° evento primepool

Tra il successo delle iniziative della community sulla piattaforma Huobi, TALK, un nuovo token di Talken, un portafoglio NFT decentralizzato multi-catena fondato in Corea del Sud, ha iniziato a fare trading su Huobi Primepool il 31 agosto. Più di 33.100 persone provenienti da 108 paesi hanno partecipato all’ultimo Primepool, sottolineando […]