Più di 100.000 persone prendono Madrid per difendere il mondo rurale

Fabrizio Nucci

Grande manifestazione “Il mondo rurale si risveglia” a Madrid. /EP

Una marea arancione di contadini, allevatori, irrigatori, pescatori, cacciatori e persone del mondo del toro lanciano un “SOS” al governo

Decine di migliaia di persone – più di 100.000, secondo le prime stime della Delegazione e 400.000 secondo i convocatori – invadono il centro di Madrid in quella che viene definita la più grande protesta rurale della storia della Spagna. Una marea delle persone più eclettiche mobilitate dalla piattaforma ’20Mrural’ ha preso il cuore della capitale spagnola sin dalle prime ore del mattino, molto prima che la grande manifestazione iniziasse alle 11:00 davanti al Ministero dell’Agricoltura, ad Atocha. Le grida contro il governo, che sono tante, si mescolano anche a richieste disperate di aiuto. Un «SOS» per non far «morire» il mondo rurale, «asfissiato» negli anni e nei mesi per l’aumento di combustibili, elettricità, materie prime e siccità e anche nelle ultime settimane e giorni per l’aumento dei cereali prezzi per gli animali a causa dell’invasione dell’Ucraina e dello sciopero dei vettori che impedisce l’immissione sul mercato della produzione del mondo rurale. L’obiettivo dei convocatori di realizzare una protesta massiccia e trasversale indica che sarà raggiunta senza problemi. Poche manifestazioni in Spagna hanno suscitato la risposta di tanti gruppi come quelli visti questa domenica sull’asfalto del Paseo de la Castellana: contadini, allevatori, irrigatori, pescatori, cacciatori, persone del mondo della corrida, piccoli imprenditori del turismo rurale, apicoltori. ..
Galleria. RC Professioni diverse e origini diverse, perché oggi nell’arteria principale di Madrid è impossibile non trovare la bandiera di una comunità autonoma, anche se predominano gli stendardi nazionali e gli stendardi dei giganti sindacati di campo, COAG, ASAJA e UPA . A bordo di 45 trattori, carri vari, asini oa cavallo, circondati da galline, mucche o pecore e dietro lo slogan ‘Il mondo rurale si sveglia’ gli slogan, le grida e gli striscioni sono vari quanto i gruppi che partecipano a questa storica marcia. Sebbene la piattaforma “20Mrural” abbia insistito sulla sua natura apolitica, la verità è che è visibile la presenza di volti noti dell’opposizione, come il “popolare” Cuca Gamarra, Fernando López Miras o Esteban González Pons; il leader di Vox, Santiago Abascal (che torna in piazza dopo la concentrazione del suo partito sabato a Madrid per protestare contro i prezzi alti); o Edmundo Bal di Ciudadanos.

‘marea arancione’

Dappertutto si vedono e si sentono anche critiche e attacchi al governo. «Sánchez traditore», «Governo dei lupi, città di Borregos», «fuori i ministri che attaccano la campagna», «Podemita ed ecologista di soggiorno, venite a vivere in città come vivo io»… Particolarmente duro con l’Esecutivo socialista Sono per lo più cacciatori. L”arancione’, il colore scelto dal gruppo di cacciatori, ha tra “sopracciglia” la “Legge sul benessere degli animali” e le “restrizioni al mondo della caccia”, che “minacciano di porre fine per sempre a migliaia di posti di lavoro in un ambiente rurale che sei già in coma». Sono forti anche le voci contro i partiti che sostengono il divieto di caccia al lupo, quasi quanto quella dei professionisti che vivono del toro da combattimento, che non risparmiano nemmeno i due partiti dell’Esecutivo centrale. Ma al di là di rivendicazioni più o meno politiche, i messaggi sono grida disperate di persone che non vedono un modo per salvare il proprio stile di vita se le cose, le leggi e il modo di guardare alle economie rurali non cambiano. «Allevatori di bestiame contro le corde», «Ci stanno morendo di fame», «A difesa dell’oliveto e dei suoi soci», «Io sono un mondo rurale e faccio la corrida», «La sopravvivenza della campagna è di tutti». .. Uno scheletro su cui è appeso un poster con la legenda “Contadino spagnolo, SOS” e un necrologio che annuncia la “Morte del signor Mundo Rural dopo 10.000 anni di vita”, riassume graficamente l’irrequietezza che si respira ovunque. Attira l’attenzione di alcuni lavoratori che fanno capire anche nella grande città che non vogliono che i cittadini diano via niente perché, come ricorda uno degli striscioni più ricorrenti, “se la campagna muore, la città non mangia”. “Vogliamo soluzioni, non sussidi” o “Per un mondo rurale vivo e senza dispense”, sono altri manifesti e slogan che si vedono vado fino in fondo. Quei poco più di 4 chilometri che separano la Plaza del Emperador Carlos V, davanti al Ministero dell’Agricoltura di Atocha, al Fuente de San Juan de la Cruz, alle porte del Ministero della Transizione Ecologica, sono pieni di colore, ma l’atmosfera non è festosa. L’ansia dei manifestanti si percepisce, anche al di sopra dei tamburi e del rumore costante dei campanacci che accompagnano la marcia fin dall’inizio. La manifestazione era programmata da mesi, ma gli aumenti dei prezzi delle materie prime, dei combustibili e dell’energia che si registrano da inizio anno non hanno fatto che aggravare la situazione di migliaia di famiglie del settore agricolo e zootecnico. Ecco perché questa manifestazione dovrebbe essere un evento “storico” e di massa, con oltre 1.500 autobus in arrivo a Madrid da tutta la Spagna.
“Sono preoccupato per chi crede che la soluzione universale ai problemi sia abbassare le tasse”“È ora di unire le nostre voci contro politiche inefficaci che stanno voltando le spalle a coloro che lavorano ogni giorno per riempire i frigoriferi di tutti gli spagnoli e per prendersi cura di un ambiente di cui tutti abbiamo bisogno e di cui tutti godiamo”, affermano. dall’Unione dei piccoli agricoltori e allevatori (UPA). È la prima volta che nove diverse associazioni con interessi diversi si uniscono per rivendicare i propri diritti. Questi sono Asaja, COAG, UPA, l’Ufficio nazionale della caccia, l’Alleanza rurale, la Federazione spagnola di caccia reale, la Federazione spagnola di irrigazione, l’Unione degli allevatori di tori da combattimento e le cooperative agroalimentari. La 20M Rural ha sottolineato il carattere apolitico della manifestazione perché vuole che gli unici protagonisti siano gli agricoltori, gli allevatori e il mondo rurale nel suo insieme. Nel loro manifesto congiunto chiedono al governo un piano shock per l’aumento dei prezzi dell’energia, una politica agricola comune (PAC) equa o l’applicazione della legge sulla catena alimentare, che sebbene sia stata riformata per non poter vendere in perdita, denunciano che non si sta realizzando. Dal governo difendono le loro politiche e assicurano che molte di queste richieste vengono già soddisfatte. In un’intervista a questo giornale, il ministro dell’agricoltura, della pesca e dell’alimentazione, Luis Planas, ha assicurato che il sentimento di fondo della mobilitazione è che “il mondo rurale vuole essere ascoltato poiché è stato essenziale nei momenti più difficili della pandemia”. Inoltre, ha annunciato che il suo gabinetto spera che l’Europa conceda “una buona dotazione” di fondi per mitigare le “difficoltà” che il settore sta attraversando.

Fabrizio Nucci
Next Post

Identificare l'avvertenza sul potenziale rally di AXS nelle classifiche

Dichiarazione di non responsabilità: i risultati della seguente analisi sono le uniche opinioni di chi scrive e non devono essere considerati consigli di investimento. Da quando ha perso la soglia di $ 91, Axie Infinity (AXS) è rapidamente diminuito formando una resistenza alla trendline ribassista (bianca, tratteggiata). In tal modo, […]
Identificare l'avvertenza sul potenziale rally di AXS nelle classifiche