Londra minaccia l’UE di abolire parte dell’accordo di recesso

Fabrizio Nucci

Il primo ministro britannico Boris Johnson. /ep

La Commissione europea avverte Londra che risponderà “con tutte le misure a sua disposizione”

Il governo britannico presenterà nelle prossime settimane un disegno di legge per modificare unilateralmente l’accordo di recesso dall’Unione europea, se Buselas non risponderà positivamente alle sue proposte di negoziare modifiche al protocollo sull’Irlanda. Il ministro degli Esteri, Liz Truss, lo ha giustificato con il fallimento dei negoziati con la Commissione per un anno e mezzo. Le modifiche britanniche sostituirebbero l’attuale sistema di controllo delle merci provenienti dalla Gran Bretagna con due canali di frontiera, verde e rosso, che faciliterebbero il libero passaggio di chi soggiorna in Irlanda del Nord o richiederebbe controlli doganali e documentazione per chi attraverserebbe il regione per entrare nel sud dell’Irlanda. Eliminerebbe l’obbligo di rispettare le normative comunitarie nella produzione locale di beni e introdurrebbe un sistema duale, con gli imprenditori che scelgono regole comunitarie o britanniche. Abrogherebbe le restrizioni alla variazione dell’IVA europea nella regione e includerebbe nel Trattato sul commercio e la cooperazione il coordinamento per il controllo delle sovvenzioni all’industria, rimuovendolo dal Protocollo. Il governo britannico chiede inoltre che eventuali controversie riguardanti il ​​regime che regola l’adesione simultanea dell’Irlanda del Nord al mercato comune e a quello britannico siano decise da un collegio arbitrale, come nel caso del Trattato, e non dalla Corte di giustizia dell’UE, come si legge in un testo la cui firma è stata accolta due anni fa dal primo ministro Boris Johnson. Il negoziatore della Commissione, Maroš Šefčovič, ha risposto all’annuncio di Londra deplorando che le sue proposte per attenuare i problemi nell’attuazione delle norme non fossero state esaminate, avvertendo che se il Regno Unito “si muove verso un disegno di legge per non applicare elementi costitutivi del protocollo ,… l’UE dovrà rispondere con tutte le misure a sua disposizione’.

legge internazionale

Truss ha sostenuto in Parlamento che, nei suoi sei mesi di negoziazione con Šefčovič, e nei dodici del suo predecessore, David Frost, l’UE non ha mai accettato di modificare il protocollo, approvato dai parlamenti europeo e britannico. La dichiarazione del ministro riproduce una proposta di Frost, lo scorso anno, che era già stata interpretata come una sfida a una guerra commerciale. Diverso il tono del governo britannico dopo la partenza di Frost, ma le argomentazioni sono cambiate solo perché ai problemi economici si aggiunge ora il crollo delle istituzioni autonome. Il più grande partito unionista, il DUP, l’unico con un sostegno significativo a favore della ‘Brexit’ in provincia, non tornerà all’autonomia condivisa senza che almeno cinque articoli del Protocollo siano stati eliminati, secondo il suo programma elettorale. O almeno così sembra. Il suo leader, Sir Jeffrey Donaldson, ha dichiarato il giorno prima, dopo un incontro con Johnson, che non avrebbe accettato le promesse prima di tornare all’Assemblea di Belfast, ma l’emanazione della legge, che potrebbe essere ritardata di un anno. Nel suo saluto alla dichiarazione di Truss, Donaldson ha detto martedì che spera “di vedere progressi sul conto in giorni e settimane, non mesi”. La mancanza di precisione nelle parole di Donaldson è frequente in questa crisi. I correligionari conservatori, come Simon Hoare, presidente della commissione parlamentare per gli affari dell’Irlanda del Nord, considerano “straordinario” che il suo governo violi il diritto internazionale. Johnson e Truss si basano sull’articolo 1 del protocollo. Si afferma come legge “ferme restando le disposizioni dell’Accordo del Venerdì Santo del 1998”. Ora sostengono la necessità di agire per salvare le istituzioni dell’accordo di pace

Fabrizio Nucci
Next Post

Depegging debacle: Is DEI, stablecoin algoritmica ibrida, seguendo le orme di UST

Dopo la decimazione dell’UST di Terra e un depegging temporale dell’USDT di Tether, Deus Finance (DEI) è l’ultima a subire la stessa sorte. Il tracollo delle stablecoin Attualmente valutato oltre $ 50 milioni per capitalizzazione di mercato, DEI è una stablecoin algoritmica ibrida di DEUS Finance, un protocollo DeFi. DEUS […]
Depegging debacle: Is DEI, stablecoin algoritmica ibrida, seguendo le orme di UST