​​Le banche che sono state criticate dal creatore di Bitcoin 13 anni fa ora accettano criptovalute

Digital Team

Bitcoin

Sei Megabanche

Il 3 gennaio 2009 la blockchain di Bitcoin ha visto il suo ' blocco della genesi ' con un messaggio di protesta: “ The Times 03/Jan/2009 Cancelliere sull'orlo di un secondo salvataggio bancario ”.

Era il titolo di un articolo del quotidiano The Times, che riportava che il governo stava valutando di salvare nuovamente le banche private con denaro pubblico. Oltre a dimostrare che il primo blocco è effettivamente iniziato da quella data, senza pre-mining, Satoshi potrebbe mostrare l'intenzione della sua creazione .

Poiché Bitcoin è una rete che decentralizza il potere di creare nuove valute, imponendo un limite all'inflazione monetaria e dando piena autonomia a chi possiede la propria ricchezza, un salvataggio alle banche come quello nella crisi del 2008 sarebbe impraticabile.

Secondo un rapporto di Better Markets, almeno 29 trilioni di dollari in denaro dei contribuenti sono stati prestati, spesi o garantiti alle banche dal governo.

"Al popolo americano è stato detto che questo salvataggio senza precedenti era necessario perché se le gigantesche istituzioni finanziarie… fallissero e andassero in bancarotta… allora avrebbero fatto crollare l'intero sistema finanziario, il che avrebbe fatto crollare l'economia statunitense", scrive il rapporto. .

Degli oltre 29 trilioni di dollari di salvataggi, 8,2 trilioni di dollari sono stati stanziati per le “Sei Megabanche”; Bank of America, Citigroup, Goldman Sachs, JPMorgan Chase, Morgan Stanley e Wells Fargo.

13 anni dopo, Bitcoin ha colpito le banche

La visione di un mondo "iperbitcoinizzato ", con completa libertà monetaria, non era altro che un'utopia nei primi anni di Bitcoin. Quando il creatore, Satoshi Nakamoto , ha presentato questa invenzione al mondo, i primi commenti sono stati critici riguardo alla sua mancanza di scalabilità.

Tuttavia, anni dopo, centinaia di sviluppatori si dedicano al miglioramento di Bitcoin e milioni si considerano utenti della rete e accettano bitcoin come pagamento. Anche un piccolo paese, El Salvador, ha dato lo status di valuta ufficiale al BTC .

Le banche che Satoshi ha criticato? Tutti ora offrono prodotti relativi alle criptovalute, sebbene in precedenza abbiano criticato bitcoin e l'industria criptoattiva.

Banca d'America

Nel marzo dello scorso anno, questa banca ha dichiarato che non c'era motivo di avere bitcoin, a parte la speculazione sui prezzi. Certo, l'apprezzamento del BTC attrae gli investitori, ma la possibilità di "essere la banca stessa" è la principale proposta di valore di bitcoin.

"Bank of America dice che non ci sono buone ragioni per avere bitcoin oltre alla speculazione." Fonte: CNBC.
"Bank of America dice che non ci sono buone ragioni per avere bitcoin oltre alla speculazione." Fonte: CNBC.

Mesi dopo, nell'ottobre 2021, Bank of America ha annunciato la sua ricerca sulla criptovaluta . “Questo mercato sta crescendo! Questo è popolare e non riguarda solo Bitcoin", ha ammesso il capo della ricerca globale presso Bank of America Securities.

Citigroup

Alla fine del 2020, questa banca raccomandava la vendita di azioni di MicroStrategy (MSTR) a causa dell'acquisto aggressivo di bitcoin da parte della società di business intelligence.

Il tempo ha mostrato quanto sia stata giusta la decisione di Michael Saylor, CEO di MicroStrategy, di utilizzare bitcoin come riserva di valore e sfruttare non solo i profitti dell'azienda, ma anche la sua popolarità.

Solo circa 10 mesi fa è arrivata la svolta secondo Citibank, oggi i suoi analisti vedono un enorme potenziale per bitcoin, citando l'adozione di grandi aziende come Tesla e MasterCard.

La grande efficienza del bitcoin, secondo Citibank, si mostra nel mercato internazionale delle rimesse. Essendo una tecnologia decentralizzata, BTC non vede confini o sanzioni governative, oltre ad avere commissioni relativamente basse rispetto alle alternative tradizionali.

"Bitcoin potrebbe essere la valuta più utilizzata nel commercio internazionale, afferma Citibank". Fonte: Cointime.
"Bitcoin potrebbe essere la valuta più utilizzata nel commercio internazionale, afferma Citibank". Fonte: Cointime.

Goldman Sachs

Parlando di un rapido cambiamento di cuore, Goldman Sachs ha criticato il bitcoin fino all'anno scorso, quando solo un anno dopo ha preso una svolta di 180 gradi.

"Goldman Sachs: 'Bitcoin non è una classe di attività'". Fonte: WeBitcoin.
"Goldman Sachs: 'Bitcoin non è un'asset class'." Fonte: WeBitcoin.
"Goldman Sachs approva Bitcoin come nuova classe di attività". Fonte: WeBitcoin.
"Goldman Sachs approva Bitcoin come nuova classe di attività". Fonte: WeBitcoin.

Goldman Sachs è passata rapidamente dalla diffusione di FUD (ad esempio definendo bitcoin una valuta criminale e così via) all'offerta di prodotti correlati ai propri clienti .

In un recente rapporto sui clienti, la banca ammette persino che il bitcoin è stato l'asset più performante del 2021. Inoltre, Goldman Sachs vede una crescita potenziale da 100 milioni di utenti a 4 miliardi.

JPMorgan Chase

L'attuale CEO della banca, Jamie Dimon, odiava (e probabilmente odia ancora) il bitcoin, ma alla fine ha dovuto accettare che la criptovaluta fosse qui per restare.

Nel 2017, ha affermato che il bitcoin era una frode che poteva crollare in qualsiasi momento. Anni dopo, si è persino scusato per la dichiarazione.

"Bitcoin è una frode che scoppierà, afferma il capo di JP Morgan". Fonte: The Guardian.
"Bitcoin è una frode che scoppierà, afferma il capo di JP Morgan". Fonte: The Guardian.

Il CEO di JPMorgan una volta avvertì tristemente che avrebbe "licenziato in un secondo" qualsiasi trader della banca che avesse toccato bitcoin. "Se sei abbastanza stupido da comprarlo, un giorno ne pagherai il prezzo", ha detto all'epoca.

Nel tempo, bitcoin ha fatto piegare le ginocchia a Jamie Dimon:

"JPMorgan lancia il fondo Bitcoin per i clienti facoltosi dopo anni di critiche alla criptovaluta." Fonte: Cointime.
"JPMorgan lancia il fondo Bitcoin per i clienti facoltosi dopo anni di critiche alla criptovaluta." Fonte: Cointime.

Nel marzo 2021 la banca ha presentato ai propri clienti l'ennesimo prodotto, un investimento in società del settore delle criptovalute .

Morgan Stanley

Nel 2018, uno dei periodi migliori per acquistare BTC, la banca si è concentrata sull'avvertire i propri clienti sui rischi dell'investimento in bitcoin.

"Un ottimo rapporto di Morgan Stanley mostra come il bitcoin sia in pericolo di diventare vittima del proprio successo." Fonte: Business Insider.
"Un ottimo rapporto di Morgan Stanley mostra come il bitcoin sia in pericolo di diventare vittima del proprio successo." Fonte: Business Insider.

Morgan Stanley ha cambiato posizione solo anni dopo, ma è stata una pioniera tra le grandi banche nell'offrire fondi bitcoin ai suoi clienti più ricchi. Nel 2021, due fondi Digital Galaxy e un fondo NYDIG facevano parte del suo portafoglio di prodotti.

Oggi la stessa banca Morgan Stanley acquista regolarmente bitcoin attraverso il fondo Grayscale (GBTC):

"Morgan Stanley aumenta l'esposizione a $ 300 milioni in bitcoin." Fonte: esame.
"Morgan Stanley aumenta l'esposizione a $ 300 milioni in bitcoin." Fonte: esame.

Wells Fargo

Infine, la banca che costituiva gran parte del portafoglio di investimenti del critico di bitcoin Warren Buffett. Wells Fargo era così anti-cripto due anni fa da non consentire alcuna transazione che coinvolgesse criptovalute.

Quando i clienti hanno provato a utilizzare la propria carta di credito per acquistare bitcoin tramite Coinbase, CashApp o qualsiasi altra alternativa, hanno ricevuto un avviso di "carta non trovata".

"Wells Fargo non consente ai clienti di acquistare Bitcoin." Fonte: Bitcoinist.
"Wells Fargo non consente ai clienti di acquistare Bitcoin." Fonte: Bitcoinist.

Sebbene abbia bloccato a lungo l'accesso alle società di criptovalute, nel 2021 la banca ha iniziato a offrire criptovalute ai propri clienti . Inoltre, la banca, che ha anche evidenziato i rischi e la volatilità delle criptovalute, ora difende bitcoin dagli oneri “bolla”.

"Le bolle 'non durano 12 anni', commenta Wells Fargo di Bitcoin." Fonte: Cointimes
"Le bolle 'non durano 12 anni', commenta Wells Fargo riguardo a Bitcoin." Fonte: Cointimes

In un rapporto del 2020, il capo della strategia degli asset reali della banca ha riconosciuto che il bitcoin non era una bolla ma probabilmente una "nuova corsa all'oro".

“Negli ultimi 12 anni, sono passati letteralmente dal nulla a 560 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato. Le manie di solito non durano 12 anni. Ci sono buone ragioni per questo: ragioni che ogni investitore dovrebbe ascoltare", ha scritto il rapporto.

Poiché questo lunedì (3 gennaio), bitcoin festeggia il suo 13° compleanno, questo argomento acquista ancora più forza. Come direbbe Hal Finney, il primo utente Bitcoin oltre a Satoshi Nakamoto, ogni giorno che passa e il bitcoin non crolla a causa di problemi legali o tecnici, questo porta nuove informazioni al mercato e aumenta le possibilità di successo di bitcoin e giustifica prezzi più alti .

Per saperne di più:

  • Satoshi Visions: il creatore di Bitcoin era libertario?
  • Bitcoin salverà le banche: capisci come

Le banche di contenuti che sono state criticate dal creatore di Bitcoin 13 anni fa ora accettano criptovalute apparse per la prima volta su Cointimes.

82567062173

Sei Megabanche Il 3 gennaio 2009 la blockchain di Bitcoin ha visto il suo 'blocco della genesi' con un messaggio di protesta:…

Le banche di contenuti che sono state criticate dal creatore di Bitcoin 13 anni fa ora accettano criptovalute apparse per la prima volta su Cointimes.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Next Post

Il governo argentino è preoccupato per l'estrazione di Bitcoin

Bitcoin