Gluers: un ponte tra decentralizzato e centralizzato

Il nostro sistema economico è stato costruito e gestito da tecnologie centralizzate (e-mail, API, CRM, e-commerce, ERP, database SQL, cloud computing). È cambiato quando sono arrivate le tecnologie decentralizzate, che hanno consentito interazioni economiche sicure con chiunque, anche con estranei di cui non ti fidi. Devi solo fidarti della tecnologia. Molti di noi amano così tanto il nuovo sistema decentralizzato da credere che tutto ciò che è centralizzato sia malvagio e dovrebbe essere evitato a tutti i costi. Crediamo in soluzioni che forniscano il massimo decentramento. Questo approccio ci spinge a costruire nuove soluzioni trustless. Ma ci impedisce anche di adottare soluzioni basate su compromessi accettabili che rendono i sistemi facili da usare e scalabili. Sta emergendo una terza categoria che colma il divario tra questi due mondi. Ci riferiamo a queste soluzioni come “incollatori”. Gli incollatori aiutano a progettare un sistema economico basato su una stretta interazione tra componenti decentralizzati e centralizzati, che sviluppatori e aziende decidono giudiziosamente come combinare. Gli incollatori sono logicamente, architettonicamente e politicamente centralizzati, proprio come il tradizionale sistema IT. Tuttavia, a differenza di un sistema centralizzato, un incollatore non è detentivo e non può rubare i tuoi fondi. Sono completamente sostituibili ed è probabile che qualsiasi sistema abbia più incollatori. Ciò consente una bassa affidabilità su una particolare incollatrice.
Il manifesto di Gluing descrive molti tipi di Gluer: abbinatori di ordini, relayer, reti di stazioni di servizio, torri di guardia, ecc. Tra questi connettori di stato ci sono quelli con più promesse. Questo strumento esegue una corrispondenza sulle righe di “Se questo, allora quello”, sui dati blockchain. L’utente riceve l’output dello strumento sulle sue app web2 come e-mail e social media. HAL.XYZ è un ottimo ecosistema di connettori di stato, che aiutano gli utenti a interrogare i propri dati blockchain. La sua missione è unire piattaforme centralizzate e decentralizzate in un unico panorama tecnologico, aiutando l’utente medio ad automatizzare e interrogare i dati blockchain, dal monitoraggio delle tariffe del gas e delle transazioni blockchain in tempo reale al monitoraggio e all’attivazione di notifiche su Twitter, Telegram, Discord, Slack e Di Più. È integrato con Ethereum, Binance Smart Chain, Avalanche e Polygon. Attraverso le sue oltre 40 semplici “ricette” integrabili con API, qualsiasi progetto può consultare HAL per risolvere processi che richiedono molto tempo consentendo una semplice automazione degli aggiornamenti. Si integra anche con l’interfaccia utente di dApp come Aave, Bancor e Snapshot. HAL affronta direttamente i problemi all’interno dei settori dei giochi DeFi e blockchain, che mancano di soluzioni di gestione delle risorse digitali per il trading, la conformità e la governance. Rende realtà il Manifesto dell’incollaggio e aiuta individui e organizzazioni a liberare il potenziale delle loro risorse digitali. Gli incollatori sono diventati un elemento integrante dell’ecosistema dell’utente DeFi medio. Consentono la progettazione di un ecosistema basato su una stretta interazione tra componenti centralizzate e decentralizzate. L’affidabilità di questo sistema è una funzione dell’affidabilità dei suoi componenti (componenti trustless + molti incollatori + l’IT centralizzato di cui ti fidi). La via da seguire è legittimarli e garantire che siano efficienti, sicuri e sostituibili.

Next Post

Bitcoin Card: dal portafoglio alla tua tasca [Material Bitcoin]

Oggi volevo scrivere della carta bitcoin sviluppata da Uxío Fraga che ha chiamato “Bitcoin Material”. A 20percento facciamo interviste scritte da tempo e più recentemente in video, e Uxío Fraga è stato il primo a parteciparvi. In esso si parla della sua carriera di trader, trainer e fondatore […]
materiale bitcoin carta bitcoin